Chi siamo - Mercatino

Vai ai contenuti

Menu principale:



 
Amici di Elena
 
 
Il 28 gennaio 2006, durante una riunione a cui sono stati convocati i soci e i simpatizzanti dell'UNI SPORT, è stato presentato il progetto per la costituzione di una nuova associazione di volontariato, pensata per affiancare l'UNI SPORT, occupandosi in particolare di portare avanti quelle attività di tipo socio-educativo che finora la società sportiva ha gestito in parallelo con l'attività motoria dedicata alle persone con disabilità. Tra gli scopi della nuova associazione c'è quello di coinvolgere sempre di più i genitori dei ragazzi disabili, rendendoli co-protagonisti attivi nei progetti dedicati ai loro figli.
 
Il nome proposto per la nuova associazione è "Gli Amici di Elena", in ricordo di Elena Paparella, una socia dell'UNI SPORT scomparsa nel 2004.
 
L'associazione avrà una propria struttura e progetti propri, e si appoggerà all'UNI SPORT per quanto riguarda gli spazi, i materiali e le esperienze accumulate in quasi vent'anni di attività.



 
L’UNI SPORT: DAL 1987 AD OGGI
 
L’Associazione Sportiva Dilettantistica UNI SPORT di Rovigo, nata nel 1987 dall’idea di alcuni portatori di handicap desiderosi di praticare sport ed attività fisica in genere, ha tra i suoi scopi statutari lo sviluppo e la diffusione delle attività sportive per le persone con disabilità. Oggi si configura come Società Sportiva di tutti e per tutti, che promuove l’attività motoria e sportiva in ogni sua disciplina come mezzo qualificante dell’individuo, per i numerosi benefici che essa produce, sostenendo l’integrazione e rivolgendosi sia ai soggetti diversamente abili che normodotati.
 
Nella piccola palestra di via Parenzo a Rovigo (all’interno del cortile di Ragioneria), che l’associazione ha avuto in gestione nel 2003 dalla Provincia di Rovigo, vengono svolti diversi tipi di attività motoria sia per bambini che per adulti. I vari progetti, come tutti quelli creati dall’UNI SPORT in questi anni (“Pollicino”, “Danza creativa”, “Puzzle” ecc.), sono pensati per favorire l’inserimento delle persone portatrici di handicap. Alcuni progetti particolari sono invece espressamente dedicati ai diversamente abili, con handicap di tipo psico-fisico o sensoriale.
 
Per le persone adulte con problemi di disabilità sensoriale (in particolare non vedenti o ipovedenti) l’UNI SPORT organizza attività di corpo libero in palestra, con lezioni finalizzate al mantenimento e all’allenamento della mobilità articolare e del tono muscolare.
 
Dal 2005 presso la palestra di via Parenzo è installata una serie di pareti artificiali per la pratica dell’arrampicata, gestita da istruttori della Federazione Arrampicata Sportiva Italiana. La struttura è stata pensata e realizzata per far sì che adulti e bambini, normodotati o portatori di handicap, possano avvicinarsi a questa specialità, che, proprio per la sua veste di sport individuale che prevede l’accompagnamento e l’affidabilità con un partner, la condivisione delle esperienze con un gruppo, l’apprendimento fornito da istruttori e tecnici, ed è terreno d’elezione per azioni tese all’abilitazione, all’autonomia e al rafforzamento della globalità psicofisica del soggetto. Attualmente è attiva una squadra giovanile che partecipa al Campionato Regionale Veneto.
 
Nel corso degli anni l’UNI SPORT ha offerto a portatori di diverse tipologie di handicap (fisico, intellettivo, sensoriale) la possibilità di praticare molte attività sportive (atletica leggera, nuoto, ciclismo, handbike, vela, tiro a segno ad aria compressa a 10 mt., bocce, arrampicata sportiva, tennis tavolo, tiro con l’arco, bowling), a livello promozionale o agonistico, sia provinciale che regionale e nazionale.
 
L’attività motoria non è l’unico mezzo di formazione e integrazione che l’UNI SPORT ha utilizzato a favore delle persone diversamente abili: negli anni, a quella sportiva si sono affiancate attività di tipo socio-educativo e culturale, prima fra tutte il “Progetto Cinema”, partito nel 2002, che ha già portato alla produzione di sei cortometraggi di fiction, nei quali hanno recitato esclusivamente ragazzi con disabilità intellettivo-relazionali, soci e non dell’UNI SPORT, e che sono stati presentati nell’ambito di diversi festival, in Italia e all’estero, ricevendo numerosi riconoscimenti. Dal 2008 questo progetto viene gestito dall’associazione di volontariato “GLI AMICI DI ELENA” ONLUS, nata con lo scopo di gestire la parte ludica e socio-educativa delle attività dell’UNI SPORT.
 
Dal 2011 l'associazione collabora con “GLI AMICI DI ELENA” onlus anche per l'organizzazione del MERCATINO DEI RAGAZZI di San Pio X a Rovigo, una manifestazione di due giorni dedicata ai bambini, al volontariato e ai disabili, che in questi anni ha visto coinvolte decine di associazioni e migliaia di persone, ed è giunta ornai alla sesta edizione.
 
L’associazione nel corso degli anni ha portato avanti diverse collaborazioni con enti pubblici, scuole, associazioni e istituti assistenziali, mettendo a disposizione la propria esperienza e i propri tecnici qualificati per gestire progetti di attività motoria rivolti alle persone portatrici di handicap, che necessitano di interventi attenti e commisurati alla loro condizione. Dal 1996 al 2007 ha gestito, in convenzione con l’Azienda ULSS 18 di Rovigo, il Servizio Nuoto Disabili, un’attività indirizzata a minori e adulti, pensata per migliorare e mantenere le abilità motorie di base e il benessere della persona e per favorire le relazioni interpersonali e la socializzazione in un contesto di gruppo nell’ambiente acqua.
 
Numerose le collaborazioni con la Provincia di Rovigo (tra cui l’organizzazione della manifestazione annuale “Lo sport in piazza” e la rassegna di cortometraggi “Rose e Gorgonzola”, ogni due anni), con il Comune di Rovigo (animazione, laboratori, ecc.) e con altri Comuni del Polesine (progetto “La piazza magica”, attività ludico-motoria per disabili psichici gravi portato avanti per cinque anni a San Martino di Venezze; altre collaborazione coi comuni di Adria, Lendinara, Ceregnano, Porto Tolle, Porto Viro ecc.), con l’ULSS 17 (Conselve-Monselice e Este-Montagnana) e l’ l’ULSS 19 di Adria.
 
Notevole anche il numero di collaborazioni con istituti scolastici polesani e non: scuole materne (“San Floriano” di Mardimago (RO), materna di Beverare (RO) e altre scuole di Rovigo; scuole medie (Parenzo e Casalini di Rovigo) e istituti comprensivi (Fratta Polesine, Castelmassa, Stanghella (PD), Malo (VI)), ecc; istituti superiori (I.T.C.S. “De Amicis” di Rovigo, Istituto Magistrale “Roccati” di Rovigo, Istituto d’Arte di Castelmassa, Istituto Alberghiero di Adria, ecc.). Sono anche stati effettuati stages e tirocini di studenti frequentanti le università di Padova e Ferrara, e un tirocinio in collaborazione con la Cooperativa Talete di Rovigo.
 
L’UNI SPORT ha inoltre instaurato, nei suoi ventotto anni di attività, una proficua collaborazione con istituti e associazioni di volontariato del territorio, come la “Casa Sacra Famiglia” di Fratta Polesine (RO) e l’Associazione “Goccia” di Lendinara (RO). Ha anche collaborato con l’I.N.A.I.L. e il Panathlon Club di Rovigo. Nel 2013 ha iniziato una collaborazione con l’associazione di promozione sociale “Ametiste” di Rovigo, ospitando in palestra le attività per bambini con disabilità che partecipano al progetto “La Casa di Bes”.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu